Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni

Ricerca

ORGANISMI DELLA POLITICA PER L'ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DELLA RICERCA DEL DIPARTIMENTO

(Delibera del Consiglio di Dipartimento di Giurisprudenza dell’ 11 febbraio 2015)

- Comitato per la ricerca dipartimentale

Composizione

▪ Direttore (Prof. Ermanno Calzolaio)

▪ Vice-direttore (Prof. Claudia Cesari)

▪ Delegati della Ricerca e internazionalizzazione dipartimentale (Proff. Pamela Lattanzi e Francesca Spigarelli)

▪ Delegato all’assicurazione della qualità (Prof. Carlo Piergallini)

  • § Responsabile assicurazione qualità per la ricerca dipartimentale in rappresentanza del personale docente (Prof. Massimo Meccarelli)
  • § Quattro docenti scelti dal Direttore in ragione delle aree scientifico-disciplinari presenti in Dipartimento (Proff. Mariano Cingolani, Romolo Donzelli, Erik Longo, Tiziana Montecchiari)

 

Possono essere invitati referenti istituzionali nel momento della discussione di temi riguardanti la qualità della ricerca (Gruppo di riesame, altri delegati dipartimentali o di Ateneo ecc.)

Compiti

1. Supporta il Direttore nelle attività di programmazione e di coordinamento delle azioni finalizzate allo sviluppo della ricerca scientifica (a tale riguardo, formula proposte al Consiglio di Dipartimento) e nell’elaborazione della programmazione annuale e pluriennale della ricerca (ivi compresa la proposta di criteri qualitativi e quantitativi di merito per la distribuzione delle risorse dipartimentali), in correlazione agli obiettivi prefissati e agli indicatori definiti dall’Ateneo e dagli organismi esterni preposti alla valutazione, in conformità alle disposizioni vigenti. Tutte le delibere saranno sottoposte all’approvazione del Consiglio di Dipartimento (Tempistica: Entro aprile dell’anno o triennio di competenza)

2. Supporta il Direttore e il Gruppo di riesame nell’elaborazione della Relazione annuale e pluriennale sulle attività di ricerca. Tutte le delibere saranno sottoposte all’approvazione del Consiglio di Dipartimento. (Tempistica: Entro aprile dell’anno o triennio di competenza)

3. Presenta al Consiglio di Dipartimento per l’approvazione la Relazione annuale e pluriennale sulle attività di ricerca, da intendersi come Rapporti annuali e ciclici di riesame (triennale) sulla ricerca. Tutte le delibere saranno sottoposte all’approvazione del Consiglio di Dipartimento. (Tempistica: Entro aprile dell’anno o triennio di competenza)

4. Riceve le richieste e propone al Consiglio di Dipartimento l’assegnazione dei fondi disponibili (in particolare quelli provenienti dalla QV2) alle iniziative proposte da singoli docenti o gruppi di ricerca. Per le richieste vengono fissate tre scadenze: gennaio, marzo, giugno e settembre di ogni anno.

- Gruppo di Riesame

Composizione

▪ Delegati di Dipartimento alla Ricerca e all’Internazionalizzazione (Proff. Pamela Lattanzi e Francesca Spigarelli)

▪ Delegato di Dipartimento per l’Assicurazione della Qualità (Prof. Carlo Piergallini)

▪ Responsabile assicurazione qualità per la ricerca dipartimentale in rappresentanza del personale docente (Prof. Massimo Meccarelli)

▪ Referente per l’assicurazione della qualità della ricerca dipartimentale (UO Ricerca e Internazionalizzazione) (Dr. Antonella Bettoni)

 

Possono essere invitati referenti istituzionali universitari e non (delegati, responsabili di enti e/o progetti di ricerca, mondo del lavoro, professionisti ecc.)

Compiti

1. Relazione annuale sulle attività di ricerca, da intendersi quale Rapporto annuale di riesame. (Tempistica: Entro aprile dell’anno di competenza)

2. Relazione pluriennale sulle attività di ricerca, da intendersi quale Rapporto ciclico di riesame (triennale). (Tempistica: Entro aprile del triennio di competenza)

3. Monitoraggio delle azioni previste per il raggiungimento degli obiettivi della ricerca (Tempistica: Con periodicità almeno semestrale)

- Responsabile assicurazione qualità per la ricerca dipartimentale in rappresentanza del personale docente

Compiti:

- promuove, guida, sorveglia e verifica l'efficacia delle attività di assicurazione della qualità all'interno della ricerca dipartimentale;

- collabora alla compilazione della scheda SUA-RD;

- collabora, come membro del Gruppo di Riesame, alla stesura dei Rapporti Annuale e Ciclici di Riesame della ricerca dipartimentale;

- promuove qualsiasi altra iniziativa volta al miglioramento della ricerca, avendo cura di darne adeguata evidenza nelle procedure di qualità;

- monitora, in collaborazione con il Delegato all'assicurazione della qualità di Dipartimento, il corretto svolgimento delle attività scientifiche e dei servizi di supporto, inclusi quelli

erogati in modalità centralizzata.

- Delegato all'assicurazione della qualità

Compiti concernenti la ricerca:

- promuove, guida, sorveglia e verifica l'efficacia delle attività di assicurazione della qualità all'interno del Dipartimento;

- garantisce il corretto flusso informativo tra il Presidio Qualità di Ateneo ed il responsabile dell'assicurazione della qualità della ricerca dipartimentale;

- monitora, in collaborazione con il responsabile dell'assicurazione della qualità per la ricerca dipartimentale, il corretto svolgimento delle attività scientifiche e dei servizi di

supporto;

- coordina lo svolgimento di audit interni.

 

Il Comitato per la Ricerca Dipartimentale applicherà i seguenti criteri di merito e principi guida per l’assegnazione dei fondi dipartimentali destinati alla ricerca su richiesta di singoli docenti o gruppi di ricerca.

 

Criteri di merito:

  1. Numero di pubblicazioni fascia A, ISI, SCOPUS pubblicate nell’anno precedente
  2. Numero di monografie pubblicate nell’anno precedente in collane che prevedano la double peer review
  3. Numero di presentazione di paper a convegni internazionali nell’anno precedente
  4. Numero di progetti europei o nazionali vinti nell’anno precedente
  5. Numero di progetti europei o nazionali presentati nell’anno precedente
  6. Partecipazione a progetti nazionali o europei nell’anno precedente
  7. Numero di fellowship all’estero (di almeno 15 giorni) nell’anno precedente
  8. Numero di convegni internazionali organizzati a Macerata per valorizzare l’attività di ricerca

 

Principi guida:

  1. potenzialità delle iniziative per il consolidamento o la creazione di reti di ricerca nazionali o internazionali che possano favorire la partecipazione a progetti di ricerca nazionali o europei;
  2. impatto sul territorio delle iniziative proposte e interesse per le imprese, il mondo del lavoro o la scuola.
  3. qualità delle pubblicazioni (negli ultimi cinque anni) in riviste in fascia A, ISI, SCOPUS o di monografie in collane prestigiose;
  4. partecipazione e/o coordinamento di progetti nazionali ed europei.

 

Si rimanda alle pagine del sito ricerca per notizie ed approfondimenti su tali tematiche:

http://ricerca.unimc.it